Puoi trovare questo prodotto in Trentino-alto adige.
Scopri tutti gli altri prodotti della stessa regione.
Questo prodotto fa parte della categoria "Pasta, Farina e Cereali".
Scopri tutti gli altri prodotti simili.
Tweet
<

Polenta di Storo
Pasta, Farina e Cereali

Polenta di Storo
StampaCondividiFacebookTwitter
lagaiaceliaca
Inserito da lagaiaceliaca - Vai al suo profilo
La gaia celiaca  il 09/09/2011
PRODUZIONE
La polenta di Storo è una farina di mais per polenta, tipica della valle del Chiese ma la cui coltivazione è estesa anche nella bassa Valsugana, entrambe in provincia di Trento.

Viene utilizzato il mais "Nostrano di Storo",  varietà tradizionale di granoturco di colore rosso, simile al mais marano, che viene coltivato in quantità limitate utilizzate esclusivamente per la trasformazione in farina da polenta.

La coltivazione del granoturco è realizzata tipicamente in piccoli appezzamenti da coltivatori che svolgono anche altre attività. La produzione è regolata da un apposito disciplinare, attraverso il quale vengono stabilite le tecniche di coltivazione e di trasformazione, in modo da ottenere un prodotto di qualità.
La semina viene tutt'oggi eseguita manualmente.
QUALITA'
I produttori del nostrano di Storo sono piccoli agricoltori consorziati che svolgono questa attività part-time, avendo piccoli appezzamenti che vengono ancora coltivati con tecniche tradizionali, che seguono i cicli naturali.  
La semina avviene per lo più manualmente ed il discipliinare prevede che, dopo la raccolta, l'essiccazione delle pannocchie possa avvenire sui granai e sui tipici graticci, oppure con tecnologie moderne, con aria calda.
Per la conservazione successiva sono vietati iprodotti antitarmici.
Dopo l'essiccazione si passa alla sgranatura della pannocchia che in alcune zone viene eseguita ancora a mano anche se il disciplinare permette anche il ricorso a tecniche automatizzate.

La macinatura avviene quasi esclusivamente nel mulino del consorzio di produzione polenta di Storo.
STORIA
Fino al dopoguerra la polenta rappresentava il piatto base dell'alimentazione della zona di Storo, e veniva per lo più prodotto localmente, in una agricoltura rivolta principalmente all'auto-sostentamento.

Un ruolo cruciale per la conservazione della varietà e il mantenimento della produzione è stato svolto dalla locale cooperativa che già nel 1921 aveva costruito a Storo un mulino utilizzato da tutti i piccoli agricoltori locali sia per il granturco che per il grano, la cui coltivazione si è sempre più ridotta nel corso degli anni.

Alla fine degli anni '80 i produttori si sono riuniti in un consorzio per la valorizzazione e tutela della varietà Nostrano di Storo: il consorzio conta attualmente un'ottantina di membri e si occupa di macinare, promuovere e distribuire la farina da polenta di Storo.
Segnala inesattezza

I PRODUTTORI (1)

Agri '90 s.c.a.r.l.
Agri '90 s.c.a.r.l.
Via Regensburger 23/25, 38089, Storo (TN)

LE RICETTE (5)

http://lagaiaceliaca.blogspot.com/2011/01/la-polenta-del-riciclo-con-le-verze.html
http://lagaiaceliaca.blogspot.com/2010/11/ode-alla-polenta-e-spezzatino.html
http://unafinestradifronte.blogspot.com/2009/01/tartelette-di-polenta-allarancia-e.html
http://lagaiaceliaca.blogspot.com/2011/11/copia-copia-e-tartellette-radicchio.html
http://lagaiaceliaca.blogspot.com/2011/11/crostoni-di-baccala-alla-livornese-con.html