Prosciutto del Casentino Presidio Slow Food

Prosciutto del Casentino Presidio Slow Food
CARETTERISTICHE
La conca dell’alto corso dell’Arno era un tempo terra di boscaioli e pastori. Vi pascolavano, bradi o semibradi, anche rustici maiali dal manto scuro, probabilmente della cappuccia di Anghiari, una delle tre razze locali (le altre erano la casentinese e la rossa del Casentino) allevate per la produzione di prosciutti crudi pregiati. In un testo storico dell’Ottocento si citano prosciutti pregiati che erano spediti perfino in Germania e in Inghilterra.

La ricetta tradizionale prevede che le cosce dei suini, dopo una refrigerazione di almeno 24 ore, sono rifilate, massaggiate e salate. L’impasto per la salagione è preparato con sale, aglio e, volendo, altre spezie (pepe, peperoncino, noce moscata e ginepro macinato). Dopo cinque, sette giorni si rimuove il sale residuo dalla superficie e si massaggia ancora. Quindi si passa a una seconda salagione, che si protrae per circa due settimane. Si elimina ancora una volta il sale in eccesso e si lascia maturare il prosciutto per 40, 50 giorni. In questa fase, tradizionalmente, si appendeva in cucina, al calore del camino: per questo è consentito anche un leggero gusto di fumo naturale (ottenuto con legna di querce, faggio e, in misura minore, ginepro). Dopo la stagionatura, che non può durare meno di 12 mesi, il prosciutto è pronto.

La forma del prosciutto del Casentino è tondeggiante, leggermente allungata e tendente al piatto, e il peso va dai 9 ai 12 chilogrammi. Al taglio è di un bel colore rosso vivo con una buona percentuale di grasso candido. Il profumo è intenso e penetrante e il gusto delicato, a volte con note finali di affumicato. Provatelo affettato a mano, accompagnato con pane toscano, e beveteci su un bicchiere di rosso di buon corpo.

Fonte: Slow Food 
IL PRESIDIO
Il Presidio ha recuperato la tradizione antica partendo da una sperimentazione sulla materia prima e cercando quindi di raggiungere la qualità delle antiche razze. Questi animali, secondo le regole di un disciplinare rigoroso, sono allevati secondo il sistema tradizionale all’aperto: l’alimentazione è costituita prevalentemente dal pascolo (nel sottobosco di querce e castagni) con l’integrazione di prodotti vegetali naturali. Sono macellati soltanto quando raggiungono il peso minimo di 120, 160 chilogrammi. 
Il disciplinare che i produttori e gli allevatori aderenti al Presidio hanno completato, prevede inoltre un’allungamento dei tempi di stagionatura per far sì che siano adeguati al raggiungimento del profilo organolettico migliore per la valorizzazione di questo grande prodotto.
AREA DI PRODUZIONE E STAGIONALITA'
Area di produzione
Comuni del Casentino (provincia di Arezzo).

Stagionalità
La produzione avviene tutto l’anno, con l’eccezione dei mesi più caldi, la stagionatura minima deve essere di 18 mesi.
dolcigusti
Inserito da dolcigusti - www.dolcigusti.com
06/10/2011 19:08:29

I PRODUTTORI

Antica Macelleria Fracassi da Simone dal 1927
Antica Macelleria Fracassi da Simone dal 1927
Piazza Mazzini 24, 52015, Castel Focognano Frazione Rassina (AR)

APPROFONDIMENTI

http://www.presidislowfood.it/ita/dettaglio.lasso?cod=125&id_regione=16&id_tipologia=&id_mese=&lista=si